Presente su molti velivoli da addestramento, il Garmin G1000 rappresenta l’evoluzione dei sistemi di bordo tradizionali, attraverso un sistema all in one, contenente tutti gli strumenti presenti in cabina di pilotaggio. Ho utilizzato il Garmin G1000 a bordo del bimotore Tecnam P2006T, durante una delle varie fasi del mio addestramento. In questo articolo andrò ad elencare alcune delle funzioni basiche per il settaggio del Garmin G1000.


Tra gli strumenti presenti all’interno del Garmin G1000 troviamo:

– Altimetro|Variometro | Anemometro | Omni-direzionale| GPS


In alto, a sinistra troviamo le frequenze NAV1 e NAV2, con una frequenza attiva ed una in standby, interscambiabili utilizzando il tastino con le frecce.

In alto a destra troviamo le frequenze COM1 e COM2, con una frequenza attiva ed una in standby, interscambiabili attraverso il tastino con le frecce.


Sul lato sinistro è presente una rotella (knob) sotto la dicitura HDG, da utilizzare per modificare la heading visualizzabile sullo schermo tramite un heading bug.

La sezione per l’AUTOPILOT racchiude diverse funzionalità che andremo ad analizzare successivamente.

Su lato destro dello schermo, sotto la dicitura CRS-BARO, possiamo modificare tramite una rotella (knob) il valore della Course da seguire (durante un avvicinamento ILS oppure VOR per esempio) oppure il valore barometrico andando a modificare il QNH a seconda del valore attuale.

Sempre sul lato destro, sotto RANGE, il pilota può andare ad aumentare o diminuire lo zoom relativo alla posizione del GPS di bordo.


Per inserire un aeroporto di destinazione (oppure un waypoint) da raggiungere nel più breve tempo possibile, useremo la funzione DIRECT-TO cliccando il tasto apposito (vedi immagine sotto) ed utilizzando il knob, presente sotto la dicitura FMS, per modificare i valori alfanumerici.

Per modificare l’altitude bug, in modo da settore una altitudine da raggiungere e mantenere, utilizziamo il knob in basso a destra sotto la dicitura ALT.


Per passare dalla modalità GPS alla modalità VOR (per seguire e/o visualizzare le radiali) si utilizza il tasto CDI.

Per modificare il codice transponder selezioniamo il tasto XPDR.

Per visualizzare l’elenco degli aeroporti più vicini a noi, esiste la funzione NRST.

Per visualizzare il nostro piano di volo con i relativi waypoints, selezioniamo FPL.

Per caricare una procedura strumentale (Departure, arrival, approach) utilizzare il tasto PROC e modificando i valori con il knob presente sotto FMS.